Skip to content

ELEZIONI REGIONALI 2010: ANALISI DEL VOTO A BRUGHERIO

aprile 2, 2010

Come dopo ogni elezione, anche dopo queste Regionali si assiste alle tante dichiarazioni dei responsabili di partito, ognuno dei quali di solito esalta il risultato come una vittoria. Di solito le cose, nella realtà, sono un po’ più complesse di come le raccontano tali dichiarazioni.

Se vogliamo fare un’analisi del voto a Brugherio, emergono alcuni elementi che impongono una seria riflessione a tutto il mondo della politica locale.

Il primo di questi è l’affluenza alle urne, pari al 65,52%; le elezioni europee (le più vicine in ordine di tempo con cui sia possibile fare un confronto) ebbero una percentuale di votanti del 77,70% degli aventi diritto. Siamo dunque in presenza di un calo del 12,18% (circa 3200 elettori).

Alle europee ’09 i voti della Lega Nord erano 3145 (15,94%), quelli del Popolo delle Libertà 7612 (38,58%); alle comunali ’09 (si votava lo stesso giorno) i voti delle due forze politiche erano, rispettivamente 2992 e 5787.

Alle regionali 2010, i voti della Lega sono stati 3045 (20,48%), mentre quelli del PdL 5058 (34,02%).

Il centrodestra dirà che il risultato è un trionfo, perché la sua coalizione può vantare una percentuale del 54,50% dei consensi.

In realtà, se si osservano i numeri elencati prima, ci si accorge subito che la verità è ben diversa.

Una prima osservazione: nel 2009 i voti di Lega Nord e Popolo della Libertà alle comunali sommati, erano quasi 3000 in meno (153 di questi erano voti leghisti) rispetto a quelli raccolti dai due partiti lo stesso giorno alle europee (7781 contro 10.757). Di questi 3000, circa 2000 si sono distribuiti fra le varie liste di destra (non tutte alleate con Lega e Pdl) presenti alle comunali ma non alle europee, gli altri 1000, sono andati dispersi. Questo significa che qualche migliaio di elettori del centrodestra non ha gradito il candidato Sindaco Ronchi e non lo ha votato.

In queste ultime regionali, la Lega Nord perde 100 voti rispetto alle europee 2009, mentre il Popolo delle Libertà ne perde addirittura 2554: un vero tracollo.

Non va meglio l’UDC, che a giugno 2009 aveva 969 elettori, mentre alle regionali ne ha raccolti solo 488.

Se la consultazione elettorale appena trascorsa deve servire come indicazione di come viene percepito dai cittadini l’operato dell’Amministrazione Ronchi, risulta evidente che i brugheresi assegnano al Sindaco ed alla Giunta una sonora bocciatura. I voti del centrodestra sono diminuiti rispetto al giugno 2009, e questa volta non sono stati assorbiti dalle Liste Civiche.

Il centrosinistra, dal canto suo, ha anch’esso grandi problemi. Il Partito Democratico aveva 4644 voti alle europee 2009, alle regionali 2010 ne ha ricevuti 3607. Sinistra Ecologia e Libertà passa da 422 a 374 voti, Federazione della Sinistra da 570 a 259 e Italia dei Valori da 1418 a 977.

Notevole invece il risultato del Movimento 5 Stelle, vera novità di questa ultima tornata elettorale, che raccoglie 585 consensi.

Se i cittadini di Brugherio (anche parte di quelli che hanno un orientamento politico di censtrodestra) sono scontenti del Sindaco e della maggioranza che lo appoggia, questo è dovuto, almeno in parte, alla capacità della sinistra (soprattutto della sua componente maggiormente critica) di far emergere ed evidenziare il cattivo governo della città che ha caratterizzato e sta caratterizzando la Giunta Ronchi, generando in tal modo il giusto malcontento fra i brugheresi. Il fatto che essa non riesca però a raccogliere i risultati, in termini di voti, di questa attività di opposizione, sta ad indicare l’esistenza di un problema. La conseguenza è, in parte, una forte astensione fra i suoi elettori, in altra parte il confluire dei voti di questi ultimi verso il Movimento di Beppe Grillo.

I problemi della sinistra, a Brugherio come ovunque altrove, continueranno finché essa non riuscirà a fare in modo che i cittadini tornino a considerarla un punto di riferimento ed un interlocutore vicino, presente, concreto ed affidabile; finché non rivedranno in essa la reale alternativa al malgoverno della destra.

E’ già difficile affrontare lo scontro politico con un avversario come la destra berlusconiana-leghista, che detiene il pressoché totale controllo dei mezzi di informazione e può permettersi di oscurare mediaticamente gli antagonisti, come è avvenuto in occasione di queste ultime regionali. Se non ci si pone come un elemento di rottura e discontinuità nei confronti di questa mala politica, la gente non ha motivo per concedere la propria fiducia. Per guadagnarsi quest’ultima, alla sinistra occorre differenziarsi proponendo con decisione un nuovo modello di società, e imparare a comunicare una nuova cultura, fatta di ideali e valori, con un nuovo linguaggio fatto di partecipazione e coinvolgimento. I cittadini devono percepire con chiarezza che la sinistra è al loro servizio, e devono sapere che la troveranno  sempre quando ne avranno bisogno.

 

Fonte dei dati: www.comune.brugherio.mi.it

 

Annunci
8 commenti leave one →
  1. Luisa cappellina permalink
    aprile 2, 2010 12:02 pm

    Non sono di Brugherio, ma in zona. In ogni caso, credo che le considerazioni fatte, al di là dei numeri e delle percentuali, possano valere a livello territoriale.
    Aggiungo un tema alla carenza nella comunicazione dellE sinistrE: in primis, a chi vogliono comunicare; chi rappresenta, infine, oggi, un partito di sinistra? i pensionati? gli operai ? gli impiegati? le casalinghe? Non potrebbe rappresentare finalmente, tutte quelle migliaia di persone che come me e tanti amici, lavora in modo autonomo in attività pure tanto diverse, oppure con contratti flessibili, o ancora – e senza fare di tutt’erba un fascio- si sono decisi e sono titolari di una microazienda e faticosamente, senza ammortizzatori sociali, 14esime ecc, si mantengono un posto di lavoro tra alti e bassi? Perchè vedete, noi ormai votiamo a sinistra per convinzione, ma ben sapendo che non ci rappresenta nessuno. Tutti gli altri sperano qualcosa dalla destra..
    E’ ora che lE sinistrE analizzino bene il tessuto sociale a cui si rivolgono, la smettano di pensare che chiunque non sia dipendente, non è degno di attenzione. E che magari, con queste persone, ci provi: un’assemblea o una consultazione.. con un po’ di internet point per ascoltare tutti gli autonomi e microimprenditori: artigiani, consulenti, lavoratori superflessibili e saltimbanchi, ex colleghi che invece di aspettare il collocamento hanno messo insieme qualche soldo e si sono messi in società..COMPAGNI, CONTIAMOCI! dicevamo in assemblea, prima che ci sgomberassero..

  2. Daniele permalink
    aprile 2, 2010 3:00 pm

    Essenzialmente la Lega ha mantenuto i suoi voti e il PDL ne ha persi circa il 44%. Il che significa: la Lega non ha stravinto, semplicemente, con minore affluenza alle urne, i suoi voti corrispondono ad una percentuale maggiore. Vorrei sapere però quei 2000 e passa voti del PDL dove sono andati.

    • Daniele permalink
      aprile 2, 2010 7:30 pm

      scusate l’errore di calcolo…..il PDL ne ha persi circa 34%

  3. Luisa cappellina permalink
    aprile 2, 2010 5:06 pm

    Dopo avere inviato la mia nota precedente, leggo un’intervista a Franceschini sul Corriere di oggi 2 aprile.. si dice che ogni lavoratore, anche autonomo, deve avere pari dignità, aspettative e rappresentanza..

  4. Fulvio permalink
    aprile 2, 2010 7:17 pm

    Ciao a tutti. A sinistra bisogna avere il coraggio soprattutto di unirsi e di non continuare a frantumarsi. Come seconda cosa,è ora di mandare a casa la vecchia classe dirigente,capace solo di inanellare sonore sconfitte,dal “dopo-Prodi” in poi. Terza cosa,seguire l’esempio di coloro che stanno raccogliendo consensi in maniera efficace contro il Nano Maledetto,a partire da Nichi Vendola,che col suo progetto,i risultati li vede. C’è poi l’IDV, che l’opposizione ferma la fa(tale è il compito che i suoi elettori le han dato). Per ultimo ho lasciato il moVimento di Grillo,che seppur possa non piacere nei modi,ma sta sferzando a destra ed a manca. Anche in Lombardia Crimi(il loro candidato) è andato vicino ad ottenere un consigliere(il 3% è stato raggiunto),ed alla prima presentazione,senza visibilità sui mass-media… scusate se è poco! Ma qual’è il segreto? Semplice: stare con la gente,confrontarsi,scambiarsi informazioni,ascoltare la Società Civile,i suoi bisogni e le sue proposte. Solo questo è possibile fare, contro un avversario che in fatto di Leggi,leggine e Truffe, è un”Gran Maestro”(vedi Licio Gelli)… Rimane l’eterna opera incompiuta del PD,che dopo le patetiche uscite di Bersani,con tutti i Dinosauri di cui ancora si avvale(D’Alema,Fassino,Veltroni ecc.),se non inverte la sua Rotta è destinato a sparire lentamente ma inesorabilmente. Non ce n’è! BISOGNA SCENDERE IN PIAZZA e stare costantemente(come fate voi a Brugherio) nel Territorio, se no, lo si consegna ai Leghisti, la vera Alternativa(Xenofoba) che si sta concretizzando a Destra,con le stesse modalità che dicevo… RESISTERE,RESISTERE,RESISTERE.

Trackbacks

  1. Elezioni Regionali »  ELEZIONI REGIONALI 2010: ANALISI DEL VOTO A BRUGHERIO « Brugherio …
  2. ELEZIONI REGIONALI 2010: ANALISI DEL VOTO A BRUGHERIO « Brugherio …
  3. LA MAGGIORANZA SI DISINTEGRA; IL SINDACO DOVREBBE DIMETTERSI, MA L’UDC TRASFORMISTA GIUNGE AL SALVATAGGIO « Brugherio Futura Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: