Skip to content

MA MI FACCIA IL PIACERE!!!!!

aprile 2, 2010

In questo momento di analisi post-elettorali che, come nel più scontato dei copioni, vede una sfilata di vincitori senza alcuna, seppur minima, critica e/o autocritica, in cui nessuno ammette neanche la più piccola delle defiance, permetteteci una nostra particolare osservazione sul vero vincitore di questa tornata elettorale.

Chi è il vero vincitore delle elezioni regionali 2010?

Voi direte: “facile, il movimento a 5 stelle”. In effetti esso, alla sua prima presentazione, ha raccolto, in alcune zone, punte dell’8% dei votanti, ed è riuscito, nonostante l’oscuramento dei media e la possibilità di giungere ad intercettare quasi esclusivamente i frequentatori della Rete, ad incanalare  il malcontento di molti proponendo temi attuali di interesse comune, temi ai quali i partiti istituzionali non danno facilmente risposte, presi come sono da beghe di liste scomparse, di escort candidate e funzionari dalla memoria labile.

E’ vero e bisogna riconoscerlo: il Movimento di Grillo ha lavorato bene; gente giovane, voglia di fare, punti chiari e risposte ben studiate ai fini della comunicazione che così risulta immediata e di facile appeal per un uditorio stanco di del continuo blaterare insulti da parte di una classe politica davvero inetta. E cosi le “Stelle” di Grillo ora brillano in alcuni consigli regionali. Certo, i “grillini” sfiorano il populismo, certo non avranno l’esperienza e l’astuzia dei vecchi volponi e probabilmente le loro voci rimarranno inascoltate dai loro colleghi nelle aule dei rispettivi Consigli, che usano dare retta solo ai poteri forti; ma c’è da riconoscere che hanno fatto un gran lavoro di ricerca e forniscono proposte sostenibili.

Ora devono solo lavorare; li aspettiamo tutti alla vera resa dei conti. Però, senza offesa, è opportuno chiarire che i vincitori veri di queste elezioni non sono loro; diciamo che a loro va il premio delle “nuove proposte”.

Il riconoscimento dei “big” invece, va ad un’Istituzione davvero potente, che la politica la frequenta da sempre e che da sempre è stata capace di muovere milioni di voti e di manovrare schiere di politici ansiosi di compiacerla per beneficiare della sua benedizione, che in termini elettorali si chiamano consensi.

Ebbene, the winner is: ancora una volta NOSTRA SANTA MADRE CHIESA!

Non più tardi di una settimana prima del voto Mons. Bagnasco lanciava il suo appello elettorale che all’orecchio dei fedeli è prontamente suonato come un monito: NON VOTATE CHI E’ A FAVORE DELL’ABORTO!

Mi chiedo a quanti quest’esternazione sia sembrata un passo della predica domenicale e a quanti un invito a non dare la propria preferenza alla VETERO FEMMINISTA EMMA BONINO, che nei decenni passati ha fatto della 194 (e dei suoi possibili cambiamenti) un suo cavallo di battaglia. Possibile che l’anatema lanciato dal presidente della CEI non avesse come bersaglio la candidata radicale? E che l’ennesima ingerenza del Vaticano sia solo un miraggio della sinistra disfattista? Ma allora perché  i funzionari di quello che è, di fatto, uno stato estero hanno predicato per tutti gli ultimi due mesi l’utilità di un voto alle organizzazione cattoliche che creano occupazione (?) e sono portatori di  veri valori cristiani?

Tutto ciò appare, molto chiaramente, un invito a votare candidati delle organizzazioni cattoliche attive in politica, quali Comunione e Liberazione e Compagnia delle Opere, e quindi, per esteso, del PDL (vedi Formigoni in Lombardia).

Certo il clero è molto vicino ad alcune posizioni di questo governo dell’amore, che predica bene e razzola male, che promuove la famiglia basata sul matrimonio (tanto che ognuno dei principali leader del partito, ne ha almeno 2 sul curriculum), che si basa sulle radici cristiane adorando il dio Po per mezzo di riti celtici.

Che le posizioni condivise tra Stato e Chiesa riguardino il bene comune  è testimoniato dall’elargizione di soldi pubblici alle scuole private (quasi tutte facenti capo ad ordini religiosi), dall’esenzione dalle tasse di cui beneficiano i beni del clero e dai vari 8 e 5 per mille richiesti e devoluti in maniera massiccia alle varie istituzioni della Chiesa, dalla presenza continua, (e spesso solitaria e priva di contraddittorio), di alti esponenti delle organizzazioni ecclesiastiche in televisione ed in radio, dove sono soliti discettare di tutto un po’, dal mercato finanziario alle ricette di cucina,  non trascurando intanto di fare passare messaggi del tipo: no alla contraccezione, no ai matrimoni tra persone dello stesso sesso, no pillola del giorno dopo e via discorrendo.

Un do ut des continuo tra Governo Italiano e Vaticano che nel corso degli anni è rimasto immutato, da quando, negli anni 50/60 i vecchi prevosti tuonavano dall’alto dei pulpiti che votare comunista era peccato e che votare DC era precetto. Pena: la mancata assoluzione.

La Chiesa ha vinto ancora; ha votato e fatto votare contro chi voleva la sanità per tutti, l’accoglimento dei fratelli più poveri, l’eguaglianza e la giustizia sociale. Ha spostato consensi a favore dei respingimenti degli immigrati e dell’impunità per truffatori, evasori e perfino mafiosi, ma in questo modo si è tenuta stretta la complicità di uno Stato che dovrebbe essere sovrano ma che di fatto, date le ingerenze continue di cardinali e vescovi, ha abdicato al pieno potere legislativo in cambio di favori molto terreni, quali una massiccia quantità di votanti a cui non dare più di tante spiegazioni. Evidentemente sono ancora tante le persone a cui basta la parola  di assenso del Parroco, oppure un assistenza sociale sottoforma di volontariato, senza spese e senza assicurazioni,  presente in modo capillare sul territorio, che toglie oneri ma conferisce silenziosi (quanto non equanimi) servizi.

E poi parlano del potere religioso dell’ISLAM …………..e questo come lo chiamano di grazia???

Ma mi faccia il piacere!!!!!!!!!!!!!!!

Annunci
2 commenti leave one →
  1. Dalia Treviso permalink
    aprile 2, 2010 11:03 am

    ORA LE DONNE CHE LI HANNO VOTATI SARANNO FELICI DI FINIRE SOTTO I FERRI IL MALEDETTO GIORNO CHE DOVESSERO ESSERE COSTRETTE AD ABORTIRE!!!!

  2. morgana permalink
    aprile 4, 2010 4:12 pm

    eh si cara amica,
    purtroppo la magggior parte delle persone, quando si tratta di dare il proprio voto non ragiona con la testa……….e ho detto tutto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: