Skip to content

IL SINDACO E LO SPEAKERS’ CORNER

febbraio 25, 2011

Nella mattinata di sabato scorso (17 febbraio), i brugheresi che si sono recati al mercato, o semplicemente hanno transitato di fronte al Comune, hanno potuto assistere ad uno spettacolo strano: il Sindaco Ronchi era impegnato in un comizio.

Non è questa la cosa strana, bensì le modalità con cui si è tenuto tale comizio. Si, perché non si è trattato di un occasione ufficiale, in cui Ronchi parlasse ai cittadini in qualità di capo dell’Amministrazione, magari, una volta tanto, tracciando un bilancio di questi due anni di governo che non fosse solo fatto di slogan e frasi fatte. Nulla di tutto questo. 

Quello che è accaduto è che Ronchi, circondato da bandiere della Lega Nord, ha parlato a ruota libera in preda alla rabbia, osannando Umberto Bossi ed il suo partito, e contemporaneamente lanciando improperi ed anatemi (comprendendoci anche qualche “vaffa…”) contro chi lo avversa, con particolare riferimento a quelli fra costoro che fanno parte della sua maggioranza (cioè il Popolo della Libertà). 

Aveva tutto l’aspetto di una iniziativa estemporanea, più simile alle esplosioni verbali che si vedono presso lo speakers’ corner di Hyde Park a Londra, che alla comunicazione Istituzionale di un Sindaco con i propri cittadini. Il linguaggio non era per nulla quello di una carica Istituzionale.

 

Il discorso è risultato sconnesso e contorto. Oltre a dire che “fare l’Assessore

Un comizio a speakers' corner, Hyde Park - Londra

è una rottura di balle”, che “la sinistra fa la politica del no a priori”, Ronchi ha fatto un richiamo alle ideologie, ed ha sostenuto che lui e i suoi alleati rappresentano il cambiamento.

Per quanto concerne la “rottura” di fare l’Assessore, viene da rispondere che se qualcuno si è fatto nominare in Giunta perché pensava di andare a divertirsi, forse non ha capito che cosa vuol dire amministrare una città, ed è meglio che faccia qualcos’altro; in merito alla sinistra che dice sempre no, ciò è solo la conseguenza delle continue scelte dannose per la comunità che Ronchi ed i suoi alleati hanno intrapreso da quando si trovano alla guida del Comune; per quanto ci riguarda, Brugherio Futura ha sempre avanzato le proprie proposte alternative, il problema è che al centrodestra non interessa cosa pensano gli altri.

 Il fatto poi che il Sindaco citi le ideologie, risulta cosa un po’ strana da sentire da parte di chi, fino a poco tempo fa, sosteneva che la politica non si fa con le ideologie.

E poi, il fatto che Ronchi porti se stesso ed i suoi come esempio di cambiamento, è in palese contraddizione con la realtà dei fatti. In questi due anni hanno compiuto una serie di scelte ed assunto una serie di comportamenti che sono in diretta continuità con la prima Repubblica: fra queste spiccano il trasformismo che ha portato a cambiare la maggioranza dopo le elezioni (ingresso di UDC e Brugherio Popolare Europea), e la nomina di Sarimari (ex esponente del P.S.I. dell’epoca di Craxi) a direttore generale.

Al di là della scarsità dei contenuti del discorso, esso fornisce comunque alcune indicazioni interessanti.

I modi ed i toni del comizio confermano l’incapacità di Ronchi di rappresentare una figura istituzionale; riesce solo ad essere un uomo di partito, che non è quello che ci si aspetta da un Sindaco.

L’iniziativa inoltre, esprime tutta la debolezza della maggioranza. La Lega sta provando ad alzare la voce per mascherare le difficoltà e le pressioni cui è sottoposto Ronchi, e che non risulta in grado di affrontare. Il Pdl ancora una volta appare diviso al proprio interno, dal momento che le presenze dei berlusconiani erano limitate a quelle dei soliti “fedelissimi” della Giunta, e che spiccavano le assenze dei Coordinatori. Chi invece si è visto bene è stato Corbetta dell’UDC, che si sta dimostrando l’alleato più disponibile, nonostante abbia iniziato questa legislatura all’opposizione. 

L’ultimo elemento è quello più importante, ed è rappresentato dalla freddezza con cui i cittadini hanno accolto il comizio. Poche persone si fermavano, ed apparivano perlopiù perplesse. Segno del distacco che si è creato fra questa maggioranza ed i brugheresi, che sono sempre meno convinti dell’operato di chi sta governando la città.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: