Skip to content

GIU’ LA MASCHERA. BENZI ASSESSORE ALL’ISTRUZIONE.

maggio 3, 2011

Finalmente la commedia è finita. Mariele Benzi ha detto sì alla poltrona di Assessore all’Istruzione, ed ha accettato il prezzo imposto dal Popolo della Libertà: rientrare nel partito e sciogliere la Lista Civica Brugherio Popolare Europea.

Cosa diranno gli elettori di BPE di questo voltafaccia? C’è da immaginare che siano giustamente arrabbiati. Nel 2009 hanno votato la Lista e Mariele Benzi come candidata Sindaco perché, pur dichiarandosi di centrodestra, si poneva in netta contrapposizione con lo schieramento Pdl-Lega Nord ed il candidato, poi diventato Sindaco, Maurizio Ronchi. I toni fra Benzi e Ronchi non sono stati per nulla teneri né in campagna elettorale, né dopo le elezioni.

Poi, ad un certo punto, qualche mese fa, il primo atto trasformista: è fiorita l’amicizia. BPE e la sua leader hanno deciso (senza essere in grado di spiegare perché) che la il Sindaco, la Giunta e la coalizione Pdl-Lega (a cui si era nel frattempo aggiunta la stampella UDC) non erano più cattivi e antipatici, e così hanno fatto il loro ingresso nel gruppone, per niente compatto ed in perenne dissidio interno, dei partiti al Governo di Brugherio. L’offerta di una seconda stampella a Ronchi deve aver procurato non pochi malumori alle persone che hanno dato il propri voto a BPE proprio per non doverlo dare alla Lega.

Figuriamoci cosa penseranno ora che Mariele Benzi ripaga la loro fiducia cedendo ad un ricatto imposto dai “vecchi” avversari del Pdl e cancellando BPE. Il tutto per potersi sedere al tavolo della Giunta come Assessore all’Istruzione.

La voglia di poltrone e l’ambizione fanno fare cose strane. Perfino voltare le spalle ai propri elettori e dichiarare cose che sono l’esatto contrario di quelle dette solo fino a qualche mese fa.

Il "salto della quaglia"

L’operazione è talmente ingiustificabile, che la Benzi ci ha impiegato più di un mese prima di ufficializzare la risposta, ed a farne le spese sono state le scuole brugheresi, rimaste per 62 giorni senza Assessore. Probabilmente la decisione l’aveva presa da tempo, e fin dall’entrata in maggioranza l’obiettivo era quello di assicurarsi una carica; però le è servito del tempo per cercare di trovare una spiegazione accettabile da fornire a chi le ha dato il voto.

 Ma non ci sono spiegazioni accettabili. Il Sindaco, la Giunta, e soprattutto il loro operato, sono sempre gli stessi, ed i danni che combinano sempre peggiori; Mariele Benzi ha semplicemente deciso di unirsi a loro.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: