Skip to content

IL PESCATORE DI PERLE # 1

settembre 7, 2011

Cari lettori,

oggi parte una nuova rubrica di Brugherio Futura Blog, che va ad affiancarsi agli articoli “tradizionali” ed alla rubrica POST IT.

Questo nuovo spazio si chiama IL PESCATORE DI PERLE, ed è pensato come una raccolta dei peggiori fatti, delle più indecenti dichiarazioni, delle più nefande azioni (vere e proprie perle raccolte nel mare dell’informazione e della disinformazione globale) che caratterizzano gli esponenti della “casta” locale, nazionale ed internazionale.

Noi le cercheremo, le pescheremo e le commenteremo per voi. Vi invitiamo, come sempre, a inviarci le vostre considerazioni, e magari a suggerici a vostra volta qualche perla in cui vi è capitato di imbattervi.

Vi auguriamo buona lettura.

 

IPSE DIXIT

“…… tra qualche mese andrò via da questo paese di
merda……” (by S. Berlusconi)

Detto da chi lo governa da 17 anni è un’ammissione di
colpa: Egli ha reso piena confessione!

 

E’ TEMPO DI CRISI…… APRIAMO L’OMBRELLO!

La crisi c’è. Ormai è un dato di fatto e bisogna darsi da fare per uscirne meglio possibile.

E’ questo che deve aver pensato l’Amministrazione a guida Leghista di Chiuduno (BG) quando, con una delibera, si è triplicata l’appannaggio annuale, portando la spesa per gli emolumenti ai politici del Comune, dai precedenti 25000 Euro agli attuali 77000.

Un periodaccio come questo è sicuro che ha eroso il potere d’acquisto degli stipendi e allora corriamo ai ripari!

Hanno lavorato per combattere la crisi, non c’è dubbio! Quella del loro personale conto in banca!


LA LIBERTA’ DI ESPRESSIONE NON E’ MATERIA SCOLASTICA

Quella che segue è purtroppo una storia vera anche se agli occhi di chi non conosce il nostro “straordinario” Paese può sembrare una gag-caricatura di un regime dittatoriale.

E’ capitato che un professore abbia espresso il suo parere sullo sfacelo operato sulla scuola da questo governo ed in particolare dalla riforma Gelmini-Brunetta-Tremonti.

Lo fa, si badi bene, dopo l’orario di servizio, con una frase che suona più o meno cosi:

“Riformare l’esame di Stato? Prima vanno riformati i ministri Gelmini e Brunetta”.

Una vera e propria oscenità, specie se vigente è un regime democratico!
La frase incriminata è subito arrivata in Parlamento, che evidentemente non ha una delle più gravi crisi economiche in corso a cui pensare, accompagnata da una richiesta di provvedimento disciplinare a carico dell’insegnate che l’ha pronunciata. A presentarla, attraverso un’interpellanza, è stato uno zelante esponente del PDL (stipendiato dai cittadini italiani grazie ad una legge nefasta, non essendo mai stato votato espressamente da nessuno) tale Manlio Contento, sconosciuto ai più. L’ha definita “una posizione di parte” (eh ???????? e allora? Mai sentito parlare di diritti costituzionali?) e come tale da stigmatizzare e sanzionare.

Non avendo null’altro da fare,per giustificare la sua presenza a Montecitorio, l’Onorevole cerca visibilità attraverso la difesa estrema dei suoi CAPI, i quali chiaramente lo hanno fatto eleggere( e guadagnare) solo per dar la caccia a cittadini che esprimono un libero parere (beninteso solo quando questo risultasse discordante rispetto all’operato del governo) in un libero Paese.

E se ora chiedessimo noi un provvedimento o una sanzione a carico dell’On. Contento, data la sua palese incapacità di onorare il ruolo che ha “usurpato” grazie alla porcellum? LE DIMISSIONI SAREBBERO GRADITE E FORSE POTREBBERO BASTARE!


SIAMO DELLA STESSA BAND

Pare che la Maroni Band (ovvero il gruppo musicale con il quale si esibisce il nostro Ministro) sia formato da gente con Super Poteri.
Per esempio la vocalist di DISTRETTO 51 (è questo il nome della band) Simona Paudice (anni 41) ha recentemente vinto un concorso per l’assunzione presso l’ospedale di Treviglio.Fin qui nulla di strano,
se non fosse che la donna (forse per merito della sua straordinaria voce) ha sbaragliato tutti all’orale prendendo il punteggio massimo di 50\50, cosa alquanto anomala per una candidata che partiva con un punteggio di 3,8 (su 20) preso nella prima parte del concorso (quella con valutazione “oggettiva” per intenderci).

Niente da dire è stata grandiosa ma non quanto il suo collega Gianluca Barbieri che partendo da una valutazione di 0,25/20 e meritando un eclatante 50/50 all’orale, si è aggiudicato l’altra assunzione messa a disposizione dall’Ente Ospedaliero (in barba a tutti i precari in attesa di una stabilizzazione che non verrà mai).
E non è finita qui! Tra i componenti di Distretto 51 ci sono anche un ex direttore generale di due ASL e un impiegato pubblico attualmente dirigente in un ministero.
Non c’è che dire: è Musica ad Altissimo Livello!!!

 

SCILIPOTIATE

Siamo alle solite …proprio non ce la fa a stare zitto. Conosciuta la fama e la notorietà,
il “nostro” è diventato una fucina di idee….
Affittare a privati i Monumenti Italiani, è la grande trovata, e utilizzare il ricavato per
appianare il debito pubblico e, beninteso, riservare una parte del ricavato per la manutenzione e valorizzazione delle opere d’arte (e il privato locatario che fa allora? stacca solo i biglietti?). Un’altra parte dovrebbe essere utilizzata per le Forze dell’Ordine (bisogna pur far vedere che ora si è di destra) e un ulteriore quota devoluta in
beneficenza (ma che grande idea per un rappresentante dello Stato!).
A parte le nostre considerazioni nel merito, che trovate tra parentesi, vi invitiamo a figurarvi Lo Scilipoti, con foto del monumento in una mano e cassetta con scritto “offerta per i poveri” nell’altra, mentre tenta di piazzare la Fontana di Trevi, come un novello Totò.
Certo cerca solo di affittarla, ma la puzza di truffa c’è lo stesso!

 

COME MAI COME MAI, SEMPRE ………..AGLI OPERAI!

Agli operai e ai dipendenti in genere, sia pubblici che privati!
Cioè a coloro, che senza molta originalità e senza molto sforzo per la ricerca di soluzioni alternative, sono chiamati a pagare il conto anche di questa ulteriore crisi.
Ancora una volta la richiesta è di lavorare di più e a condizioni peggiori, rinunciando a salari, pensioni e diritti.
Questo è il prezzo da pagare in un Paese che non è in grado di offrire lavoro, a chi pretende dignità e rispetto e a chi chiede di attenersi a patti e contratti.

E agli altri? A quelli che abbassano la testa e per varie ragioni scelgono,  o sono costretti a scegliere, di aderire alla “nuova flessibilità”?
Beh a questi lavoratori, a cui è già stato preso tutto, non serve il Primo Maggio. Cosa dovranno mai festeggiare?? Un lavoro precario, in nero e senza nessuna sicurezza? Mal retribuito e su basi ricattatorie? Nooo .. non c’è niente da festeggiare, quindi si è pensato bene di abolirla questa Festa (ormai mesta). Bene hanno fatto …. finche non protestiamo ce lo meritiamo!
Però attenti…… hanno fatto la stessa cosa con il 25 Aprile…….sicuramente vorranno dirci qualcosa!

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: