Skip to content

SCACCO AL RE!

marzo 27, 2012

Stanno giocando una partita pericolosa, lo stanno facendo alle nostre spalle e soprattutto a nostre spese.

Una partita tutta interna al centrodestra, il bianco contro il nero, la LEGA contro il PDLLa posta in palio è la nostra povera città. Il terreno di gioco, la scacchiera, è l’insieme delle sedi Istituzionali. Peccato però che questi personaggi siano stati nominati per difenderle e metterle al servizio dei cittadini queste Istituzioni.

Presi come sono dalle loro personalissime battaglie non fanno caso ad inezie come questa e così il Consiglio Comunale, la Giunta e perfino le Commissioni diventano strumento da usare contro il “nemico”. Una volta erano alleati, ora dispiegano le forze per abbattere le resistenze dell’altro. Bisognerebbe ricordaglielo, una volta di più, che la vittoria alle elezioni l’hanno ottenuta come coalizione e non come singoli partiti ed ora se questa coalizione si sta sfaldando, per di più in maniera così poco dignitosa, forse è il caso di scioglierla, dichiarasi avversari e cominciare una nuova e più sostenibile partita tornando alle urne.

E invece nulla! Da quest’orecchio non ci sentono. La battaglia è all’ultimo sangue e nessuno vuole darsi per vinto, anzi a costo di “non governare” lo scontro deve continuare. Il premio per il vincitore è altissimo e quindi si combatte finoall’annientamento di tutti “pezzi” della controparte con i cittadini che stanno a guardare impotenti, senza poter ne dire ne fare nulla se non augurarsi di vedere presto la fine del gioco.

E così i contendenti continuano a sferrare attacchi o ad organizzare arrocchi. Le tattiche sono sempre più ardue e al limite delle regole. Sempre più affannosa è la ricerca di una scappatoia o di una giustificazione per l’azzardo.

Con la sua ultima mossa, disertando il Consiglio comunale in prima e seconda seduta con anche gli Assessori, il PDL ha dichiarato, ancora una volta, “SCACCO AL RE” ed ora per il Re la situazione si fa difficile, urge trovare una via d’uscita che gli permetta di ribaltare la situazione in suo favore. Se il prezzo è il sacrificio di qualche pedone (o di pezzi più importanti) ebbene, lo si paghi. Pur di uscire da questo nuovo impasse si accetti anche questo sacrificio (che forse sarebbe più opportuno chiamare ricatto).

 

 

E mentre il monarca studia il sistema per scampare a quest’ultimo attacco, noi spettatori attendiamo, col fiato sospeso, di conoscere il destino della posta in palio che, guarda caso, corrisponde al nostro destino.

Ora che gli Alfieri sono stati persi e che anche i cavalli (con relativi cavalieri) hanno abbandonato i loro posti in maggioranza ci chiediamo come farà il re, rimasto solo con qualche fido pedone, a rintuzzare le manovre dello schieramento avverso.

Come reagirà all’ennesima messa all’angolo? Dà da pensare il fatto che bianchi e neri siano ancora alleati nel gestire la scacchiera. Ma come credono di poter andare avanti facendosi la guerra e nel contempo condividendo decisioni di governo?

Fuor di metafora, poiché il gioco degli scacchi è arte troppo nobile per  essere accostato a questa armata brancaleone che ci amministra, dobbiamo dire che l’ultimo attacco frontale del PDL è stato a dir poco devastante. Hanno abusato e strumentalizzato le pubbliche Istituzioni, delle quali ci insegnano l’importanza e il rispetto fin da bambinicome se fossero cosa loro: la loro sede di partito o il loro personale organo di comunicazione. Ma casa ci aspettavamo da questi personaggi di tanto diverso? Non lo faceva forse anche Berlusconi? Con il Governo se non addirittura con il Parlamento? L’ ex Premier ha depredato tutti gli organismi politici di poteri e dignità e lo stesso stanno facendo in piccolo gli  azzurrini di noialtri. Ma adesso basta! Il tempo del folclore berlusconiano è finito per sempre, ora non siamo più in grado di tollerare lo scempio che si sta perpetrando ai danni della democrazia. Le Istituzioni sono cosa seria vanno amate e rispettate, non usate per biechi giochi di forza. Siete stati eletti? E allora fate il vostro dovere, sedetevi su quei banchi e prendete decisioni assumendovene tutta la responsabilità e cercando di fare meno danni possibili. Altrimenti dimettetevi!

Quando avete chiesto i voti agli elettori avevate promesso stabilità di governo e solidità di coalizione, ora vi ritroviamo impegnati l’uno contro l’altro in una guerra senza quartiere che utilizza, come se fossero strumenti in vostre mani, le Istituzioni cittadine: le disertate o le usate solo per lanciarvi strali e minacce. A tutto vi servono tranne che per amministrare.

Ci sarebbe comunque da sottolineare che tutto questo accade facendone pagare il prezzo alla Città, sia in termini di soldi di pubblici che di immobilità gestionale. Su questo punto non vogliamo soffermarci troppo avendo già speso molte parole di denuncia in vari articoli precedenti, una riflessione dobbiamo però farla sulla posta in gioco e cioè Brugherio con il suo potenziale di crescita urbanistica e il famigerato PGT che costituisce il vero punto nevralgico della discussione. Brugherio ha bisogno che ad amministrarla siano persone lontane da qualunque conflitto di interessi ed invece una marea di costruttori e affini sono stati posti, a vario titolo, al governo della Città, ognuno con i suoi appetiti da soddisfare.  Il danno che ne deriva è davvero enorme, sia per l’ambiente sia per lo sviluppo sostenibile della Città, sia per le pubbliche casse oltre al fatto evidente che troppi galli nello stesso pollaio non possono che litigare per la spartizione del poco spazio rimasto libero. Ma il territorio è patrimonio dei Brugheresi non il mezzo per far business dei nostri politici. Una diversa strategia urbanistica-territoriale prevede, per forza di cose, un ricambio alla guida della città. Amministratori responsabili e competenti con un pensiero politico rivolto al bene comune e alla costruzione di un futuro sostenibile per tutti: residenti e non. Ed invece quello che ci ritroviamo è una giunta a rotazione, un Consiglio paralizzato e un avviso di garanzia in arrivo per un nostro esponente pubblico.

E che dire del Signor Sindaco? Ora è continuamente sotto scacco ma questo lo si poteva facilmente prevedere fin da quando ha ceduto ai primi ricatti (rimpasti, licenziamento city menager etc). La sua posizione è uscita fortemente indebolita dall’eliminazione dei pezzi pregiati più vicini al re (per dirla ancora in termini scacchistici) e in questo modo è diventato più facile infierire e alzare la pressione sul Primo Cittadino da parte del PDL. Egli forse ancora si illude di poter fare tutto di testa sua ma contro gli interessi di alcuni personaggi non potrà mai avere l’ultima mossa neanche se avesse a disposizione tutte quelle possibili alla “regina”. Non si era mai visto prima che gli Assessori lasciassero l’Aula per protesta al pari dei Consiglieri. A Brugherio, sulla nostra scacchiera, è successo anche questo. Hanno lasciato il Sindaco da solo, lo stesso Sindaco che li ha nominati nel loro incarico e di cui rappresentano la massima espressione di fiducia in quanto agiscono per sua delega. Di solito un amministratore, che non concorda più con l’esecutivo cittadino, si dimette oppure se il Capo della Giunta, non dovesse ritenerlo più in linea con il suo progetto, può revocare le deleghe affidategli, ma mai si era visto tale ammutinamento. Di fatto sono stati gli Assessori asfiduciare il Sindaco. Può un’amministrazione che versa in queste condizioni continuare come se niente fosse? come se avesse ancora tutte le premesse richieste per governare che “mostrava” baldanzosa nel giugno 2009? Come se fosse ancora sostenuta da una maggioranza (che in realtà non esiste più)? Secondo noi e secondo molti cittadini: NO!!!

E allora che la partita si risolva, che si dichiari LO SCACCO MATTO e che il re sia costretto a cadere mettendo fine a quest’indecorosa situazione. Fine dei giochi: tutti a casa – game over. 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: