Skip to content

LOMBARDIA: LA ‘NDRANGHETA AL GOVERNO DELLA REGIONE

ottobre 11, 2012

Con l’arresto, avvenuto ieri, dell’Assessore alla casa della Regione Lombardia, Domenico Zambetti, sale a 14 il numero di politici , fra Consiglieri e Assessori, coinvolti in indagini della magistratura (se non addirittura arrestati). E’ stato già condannato in primo grado per falso e truffa il Consigliere del Pdl Gianluca Rinaldin (Pdl), mentre le indagini in corso riguardano, oltre che lo stesso Presidente della Regione Roberto Formigoni (Pdl),accusato di corruzione aggravata nell’inchiesta sulla Fondazione Maugeri; l’ex presidente del Consiglio regionale, Davide Boni (Lega Nord), accusato di corruzione, come anche gli ex Vicepresidenti del Consiglio regonale Filippo Penati (PD) e Franco Nicoli Cristiani (Pdl), quest’ultimo dimessosi a seguito dell’arresto; l’ex Consigliere Massimo Ponzoni (Pdl), arrestato a gennaio per corruzione e bancarotta fraudolenta. Risultano Indagati anche il Consigliere del Pdl Angelo Giammario, per corruzione; l’Assessore alla Sicurezza Romano La Russa (Pdl), accusato di finanziamento illecito; la Consigliera Nicole Minetti (Pdl), per induzione e favoreggiamento della prostituzione (nel caso Ruby) e l’Assessore al Territorio Daniele Belotti (Lega Nord), per un’inchiesta sul tifo violento; il Consigliere Massimo Buscemi (Pdl) per peculato (viaggi, cene e spese varie fatte passare come “spese di rappresentanza”).

A questi si devono aggiungere l’ex Consigliere Renzo Bossi (Lega Nord), accusato di appropriazione indebita e dimessosi a seguito dell’inchiesta, e l’ex Assessore Monica Rizzi (Lega Nord), per aver raccolto dossier su avversari politici della famiglia Bossi.

L’accusa che ha fatto scattare l’arresto per Zambetti è però la più grave di tutti: voto di scambio e concorso esterno in associazione mafiosa. Significa che la ‘ndrangheta è arrivata a mettere le mani sul governo della Lombardia.

Il Politico del Pdl avrebbe infatti pagato 200.000 euro a due esponenti della ‘ndrangheta in cambio di un pacchetto di 4 mila preferenze per la sua elezione nelle Regionali 2010 (50 euro per ogni voto).

Vi sarebbero delle intercettazioni telefoniche che provano le fasi del pagamento.

La situazione in cui si trova l’Amministrazione Regionale Lombarda è assolutamente inaccettabile.

Malcostume e corruzione hanno coinvolto un numero di esponenti politici, talmente elevato ed in ruoli di tale rilevanza da rendere necessario, nell’interesse della collettività, la chiusura anticipata di questa legislatura e l’indizione di nuove elezioni; avrebbe dovuto essere fatto diversi mesi fa, ma Formigoni ha ostinatamente e arrogantemente rifiutato ogni ipotesi di dimissioni, rimanendo aggrappato al suo ruolo con la prepotenza di chi si crede un sovrano assoluto.

Oggi, le accuse di compromissione con la criminalità organizzata a carico di un esponente della Giunta regionale gettano un’ombra troppo grande sull’Amministrazione lombarda perché si possa pensare di andare oltre.

Gli strilli della Lega Nord, che chiede l’azzeramento della Giunta o il voto ad aprile ed ha ritirato i propri Assessori, risultano ridicoli dal momento che provengono da una forza politica che è andata a braccetto con il Pdl da più di un decennio, e che non può far finta, oggi, di essere all’oscuro di tutto.

Ma la risposta di Formigoni, che minaccia i leghisti dicendo che se cade lui, cadranno anche Veneto e Piemonte, “perché le tre Giunte sono figlie dello stesso accordo politico”, denota quanto quest’uomo abbia in spregio glielettori e la democrazia. Secondo lui non conta quello che hanno votato i cittadini di Lombardia, Veneto e Piemonte; quello che conta sono gli accordi di potere costruiti nelle segreterie dei partiti da lui e dai suoi uomini.

I cittadini della Lombardia hanno subito per troppo tempo i disastri operati nei quasi vent’anni di governo formigoniano, non possono e non vogliono essere guidati da una Giunta e da un Consiglio che, oltre a dimostrarsi incapaci ed al servizio delle lobby anziché dei cittadini, vedono una significativa percentuale dei loro componenti pesantemente interessati da problemi con la giustizia.

Formigoni se ne deve andare. Oggi. Subito!

Se non lo fa da solo, lo rimuova il Ministro dell’Interno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: