Skip to content

CITTA-DINANZA METROPOLITANA, DECENTRAMENTO, DEMOCRAZIA PARTECIPATA

dicembre 13, 2012

Il Parlamento ha deciso di non convertire in legge il decreto sull’accorpamento delle Province, scegliendo di continuare a preservare i privilegi della casta con qualche posto e qualche carica provinciale, sacrificando l’interesse dei cittadini e la possibilità di ottenere una pubblica amministrazione più efficiente e meno costosa.

Nonostante i cittadini abbiano dimostrato di essere favorevoli al taglio del numero delle Province, nonostante che con i tagli del Governo molte di queste ultime potrebbero non essere in grado di svolgere servizi essenziali, la nostra classe politica è talmente lontana dalla realtà e talmente concentrata sui propri benefici che ha deliberatamente scelto di ignorare le reali necessità dell’Italia e degli italiani.

mappa_lombardia

Noi vogliamo continuare a tenere alta l’attenzione su questo tema e su quello della realizzazione della Città Metropolitana.  Non ci arrendiamo all’idea che il nostro Paese debba rimanere arretrato rispetto al resto delle Nazioni europee e mondiali più evolute.

Per questo pubblichiamo qui sotto un intervento di Giuseppe Natale del Forum Civico Metropolitano, pubblicato a novembre, e ancora molto attuale.

Citta-dinanza metropolitana, Decentramento, Democrazia partecipata

L’istituzione della Città Metropolitana è una questione centrale della democratizzazione delle autonomie locali nelle aree densamente urbanizzate. Se ne parla da oltre un quarantennio: una storia infinita , appesantita da una caterva di atti legislativi convegni studi e parole e parole…Un’altra metafora dell’insipienza delle classi dirigenti del nostro paese e di lesioni micidiali al sistema costituzionale e democratico. Prevista dalla L. n.142/1990 (art.16-21), inserita nella Costituzione (art. 118, c.1) e riproposta in altri atti legislativi ( Testo Unico n. 267/2000), la Città Metropolitana è rimasta sulla carta.

Intanto si bruciano risorse e si privatizzano patrimoni pubblici e funzioni di governo territoriale. Si innesta un processo di proliferazione di enti ed authority e di frantumazione dello Stato nelle Regioni che assumono carattere di staterelli assai dispendiosi: il cosiddetto federalismo che nulla ha a che fare col federalismo che consolida l’unità nazionale e democratizza le istituzioni. L’intervento chirurgico del governo tecnico Monti è d’altra parte espressione coerente del capitalismo finanziario che sta strozzando l’economia reale e i diritti e contribuendo ad uccidere la democrazia

Con la Legge n. 35/7 agosto 2012 (conversione del Decreto legge n.95 sulla spending rewiew ) si procede al riordino delle Province (art. 17) , alla istituzione delle Città Metropolitane (art. 18 ) e alla ridefinizione delle “Funzioni fondamentali dei Comuni e modalità di esercizio associato di funzioni e servizi “ (art.19). Due i criteri fondamentali per la riduzione e il riordino delle province: popolazione (non inferiore a 350.000 ab.) e dimensione territoriale (non inferiore a 2500 kmq). Il CAL (Coordinamento delle Autonomie Locali di livello regionale) è chiamato ad approvare una proposta di riordino che viene inviata alla Regione e quindi al Governo.

E’ davvero avvilente ed allarmante che una questione istituzionale così importante venga affrontata soltanto (o principalmente) dal punto di vista del risparmio della finanza pubblica , in modo strumentale e contingente e servile nei confronti dei poteri finanziari e tecnocratici (ce lo chiede l’Europa!?). Non un cenno a finalità qualitative di maggiore democrazia ed efficienza.

Vengono istituite 10 Città Metropolitane : Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria. Contestualmente si sopprime la provincia del relativo territorio metropolitano. Alle C.M. si assegnano le funzioni di: – pianificazione territoriale generale e delle reti infrastrutturali – gestione di sistemi coordinati e organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito metropolitano – politiche della mobilità e della viabilità – promozione e coordinamento dello sviluppo economico e sociale. Organi previsti: Sindaco e Consiglio metropolitano composto da 16 o 12 o 10 consiglieri (in rapporto alla popolazione residente: superiore a 3 milioni, tra 800 mila e 3 milioni, fino a 800 mila), non eletti dai cittadini , ma tra e dai sindaci e i consiglieri comunali. Gravissimo vulnus al diritto di voto e messa in discussione alla radice dell’istituzione intermedia di valore costituzionale! Entro il 31 ottobre 2013 deve essere redatto, da una Conferenza di sindaci e presidente della provincia dell’area, lo statuto della Città M. che entrerà in funzione il 1° gennaio 2014.

Un altro punto cruciale riguarda la possibilità di scomporre il capoluogo in “più comuni “. Nel nostro caso Milano può (e , secondo noi, deve) articolarsi in una ventina di comuni (le vecchie 20 zone). (Cfr. l’appello in www.forumcivicometropolitano.it ).

E’ da evidenziare inoltre il tentativo di favorire le unioni/associazioni dei piccoli e piccolissimi comuni tramite il contributo straordinario del 20% dei trasferimenti erariali (art. 20). Si tratta di un criterio premiale tutto dentro la logica economico-finanziaria che non intacca il livello di polverizzazione e di scarsa efficienza/efficacia dell’unità amministrativa di base.

Milano e la sua attuale provincia (situazione analoga nelle altre nove aree metropolitane) sono l’esempio tra i più critici dello squilibrio tra il gigantismo urbanizzato concentrato nel capoluogo e il nanismo disperso dei piccoli e piccolissimi centri. A questa distribuzione demografica eccessivamente squilibrata corrisponde un’irrazionale organizzazione istituzionale, la quale aggrava i problemi anziché affrontarli adeguatamente per risolverli.

Il CAL (Coordinamento delle Autonomie Locali) della Lombardia chiede “in prima istanza” il mantenimento dello status quo . “In subordine” , propone il seguente piano di riordino: conservazione delle province di Sondrio, Mantova, Monza Brianza; l’accorpamento di Cremona e Lodi, e di Como, Lecco e Varese; l’istituzione della Città Metropolitana coincidente con il territorio dell’attuale provincia di Milano. E’ evidente che la proposta risulta inadeguata ed irrazionale, in particolare per quanto riguarda la limitazione territoriale della Città metropolitana alla sola provincia di Milano. L’area metropolitana non può non comprendere il territorio di Monza/Brianza. E vi si può benissimo aggiungere Lodi nel solco delle caratteristiche geografiche (dal Ticino all’Adda) e della storia economica sociale e civile dell’intera area , tenendo in considerazione inoltre la valorizzazione dell’agricoltura in ambito urbano e metropolitano. Così era l’originaria provincia di Milano. Trasmessa in regione, la proposta del CAL non viene discussa in Consiglio bloccato dal sistema formigoniano in putrefazione. E proprio Formigoni e la sua giunta approvano il 22 ottobre scorso una delibera che chiede al governo di non modificare l’assetto attuale di 12 province!?! In altre faccende affaccendate, le forze politiche hanno taciuto. Comprese quelle di opposizione. Spettacolo avvilente e deplorevole!

Il governo, da parte sua, con il decreto attuativo, si orienta a non accogliere l’istanza formigoniana di lasciare le cose come stanno. Riduce il numero delle province lombarde da 12 a 7. Rimangono Bergamo, Brescia, Mantova, Pavia, Sondrio. Si accorpano le province di Lecco e Como con Varese; di Lodi con Cremona. Monza ritorna a Milano per formare la Città metropolitana: decisione razionale e positiva, che costituisce di fatto una critica pratica alle scelte fatte dalle forze politiche della destra leghista e berlusconian-formigoniana, con la corresponsabilità – occorre ricordarlo – dei partiti del centro-sinistra.

Si poteva certo procedere in modo lungimirante e soprattutto nel rispetto della Costituzione:

– abolire le province istituite nell’ultimo trentennio e quella/quelle delle aree metropolitane;

– ridisegnare l’ente sovra-comunale necessario nella geografia costituzionale delle autonomie locali e territoriali (art. 5 Cost.) , all’interno di un riassetto istituzionale e democratico in cui le regioni devono cedere funzioni e poteri alle province e città metropolitane e ai comuni , nella logica del decentramento reale e della partecipazione democratica alla “ organizzazione politica, economica e sociale del Paese (art. 3 Cost.).

La battaglia per una riforma delle autonomie locali è aperta. Decisiva quella nell’area metropolitana milanese. Per togliere la questione dell’istituzione della Città metropolitana e quella del superamento del comune unico di Milano dalle mani predatrici di gruppi di potere e di forze politiche grette chiuse ed autoreferenziali, occorre creare un movimento di cittadinanza attiva di livello metropolitano che sappia rivendicare democrazia partecipata. E mettere al primo posto i diritti di cittadinanza metropolitana. Quelli civili (voto e strumenti di partecipazione proposta e controllo) e quelli sociali ed economici nel quadro costituzionale di etica pubblica trasparente e di salvaguardia dei beni comuni.

 

Giuseppe Natale, Forum Civico Metropolitano  

Milano, novembre 2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: