Skip to content

IL SIT-IN DEL COISP CHE OFFENDE LA MADRE DI FEDERICO ALDROVANDI

marzo 28, 2013

Pubblichiamo di seguito il testo di un’e-mail che abbiamo ricevuto da una lettrice del blog, relativa al “sit-in” tenuto da alcuni esponenti del sindacato di polizia COISP davanti al luogo dove lavora la madre di Federico Aldrovandi. La pubblichiamo perché, oltre ad essere molto ben scritta, ne condividiamo in toto il contenuto.

NO, io non dirò mai: “la tua idea non è la mia, ma morirei per difendere il tuo diritto ad esprimerla”.

Non posso pensarla così dopo che si sono succedute dittature fasciste e naziste, dopo l’applicazione di leggi razziali e dopo i campi di sterminio, dopo aver visto intere popolazioni subire ogni giorno i più atroci soprusi in nome di un’economia capitalista spinta all’estremo, dopo che al potere di pochi si sono sacrificati i diritti e le vite di molti.

La prima pagina de Il Manifesto di oggi, 28 marzo 2013

La prima pagina de Il Manifesto di oggi, 28 marzo 2013

Non difenderò mai la possibilità di poter esprimere idee che partano da principi che vanno contro la libertà e l’autodeterminazione di ogni singolo essere umano. Al contrario: mi batterò perché queste idee restino o vengano dichiarate fuori legge e non si abbia la possibilità di esprimerle o addirittura di manifestare per propagandarle. E’ per questo motivo che credo che l’iniziativa di ieri 27/3/13, indetta dalla COISP, e per fortuna partecipata da pochi, sotto le finestre dell’Ufficio della madre di Federico Aldrovandi, sia non solo da condannare pubblicamente ma da sanzionare in maniera esemplare.

Una provocazione fascista che difende il diritto di quattro poliziotti in quanto tali, benché già condannati dalla giustizia, di uccidere a percosse un inerme ragazzo di diciotto anni. L’arroganza con cui si sono presentati sotto le finestre della madre per acuirne il dolore, lo spregio con cui si sono voltati, quando ella è scesa con la foto del figlio, hanno del disumano. Non si può ridurre il tutto ad una semplice manifestazione sindacale, come l’hanno definita i media, questa è la teorizzazione della sopraffazione e della violenza.

Va stigmatizzata e portata ad esempio di quello che la Democrazia non deve essere e non deve accettare. Altro che difesa di tutte le idee!

Morgana Malatesta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: