Skip to content

TRATTATIVA INDECENTE

agosto 26, 2013

La questione della cosiddetta “agibilità” politica di Berlusconi sta raggiungendo livelli di intollerabilità che non si erano mai visti nemmeno nello scenario politico italiano, che in quanto ad avvenimenti inaccettabili ed a comportamenti irresponsabili non è secondo a nessuno fra le democrazie occidentali.

Se volessimo riassumere tutto in due parole potremmo dire che ci troviamo di fronte ad un cittadino condannato in vie definitiva per frode fiscale, che sta tenendo bloccato Parlamento, Governo e svariate altre Istituzioni per negoziare se, ed eventualmente come, scontare la propria pena.

Questo è già di per se assurdo.

E’ poi ancora più assurdo che giornali e televisioni (e politici) spendano tanto tempo e tante parole per discutere dell’ovvio.

Come è assurdo che il Presidente della Repubblica si scomodi a scrivere una nota (il 13 di agosto) con cui rispondere alle “sollecitazioni” dei berlusconiani affinché egli (o chiunque altro) eviti a Berlusconi di finire ai domiciliari.

Al di là del fatto che non condividiamo nulla di quanto scritto da Napolitano, che non ha fatto altro che ripetere la solita solfa che il Governo non deve cadere perché l’Italia ha bisogno di stabilità, (mentre secondo noi al Paese servirebbe un buon Governo, cosa che l’esecutivo Letta è ben lontano dall’essere) precisando tuttavia che eventuali richieste di grazia verrebbero esaminate come tutte le altre (la concessione di uno spiraglio?) riteniamo soprattutto che tutte queste parole spese su Berlusconi sono vuote ed inutili, e non fanno altro che legittimare una richiesta che in qualunque Paese democratico non verrebbe neppure presa in considerazione: quella di trattare un cittadino in modo privilegiato rispetto agli altri.

Sarebbe ora che la smettessero di dare attenzione a una simile, inaccettabile pretesa a facessero eseguire la sentenza Mediaset.

Invece il Partito Democratico si dilania al proprio interno sul da farsi e alcuni suoi esponenti importanti (ad esempio,in queste ore, Luciano Violante) lanciano al Pdl segnali di disponibilità in merito alla votazione sulla decadenza di Berlusconi da parlamentare.

Pur di tenere in piedi l’inconcludente Governo Letta e le disastrose (per l’Italia) “grandi intese”, i Democratici potrebbero essere disposti a salvare ancora una volta l’ex Cavaliere.

Il partito che ha vinto le elezioni è sotto il ricatto di un pregiudicato.

Enrico Letta e Angelino Alfano, in trattativa per salvare Berlusconi.

Enrico Letta e Angelino Alfano, in trattativa per salvare Berlusconi.

Tutto questo è profondamente ingiusto e dannoso per il Paese intero.

Secondo noi è necessario trattare questa faccenda per quello che è. Berlusconi deve decadere dal suo ruolo di Senatore e scontare la pena che i giudici gli hanno assegnato.

Se il Governo dovesse cadere, vorrebbe semplicemente dire che il PD non ha i numeri e la capacità di guidare il Paese e non resterebbe altro da fare che prenderne atto e affidare il Governo a qualcuno che sia in grado di varare una legge elettorale decente, degna di uno Stato democratico, e subito dopo andare a nuove elezioni.

Riusciranno i nostri politici ad agire, una volta tanto, secondo ciò che imporrebbero i principi di logica e di correttezza?

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: