Skip to content

PLIS EST DELLE CAVE: APPROVATO IL PIANO INTERVENTI DEL PARCO…MA RIAPPARE L’OMBRA DELL’AMPLIAMENTO CAROSELLO

luglio 22, 2014

Per il Parco Locale di Interesse Sovracomunale (PLIS) Est delle Cave è un periodo di importanti novità, alcune positive, altre decisamente negative.

Fra quelle positive c’è il fatto che, finalmente, il Parco ha il suo Piano Pluriennale degli Interventi (P.P.I.), che i Comuni membri stanno approvando in questi giorni (il Consiglio Comunale di Brugherio lo ha approvato il 30 giugno scorso).

Il Piano Pluriennale, come dice il nome, è lo strumento che definisce quali interventi verranno realizzati nei prossimi anni (dal 2014 al 2016) per sviluppare il Parco, tutelarne il pregio, aumentarne, ove possibile, la fruizione da parte del pubblico, recuperare aree eventualmente compromesse etc., ed è un obbligo previsto dalla normativa regionale in materia di PLIS (Deliberazione della Giunta Regionale 6148 del 2007).

Il Comitato di Gestione del PLIS (formato dai Sindaci o dai loro delegati), nel dicembre del 2012 ha deciso di procedere all’affidamento di un incarico professionale per la predisposizione della sua stesura. L’elaborazione del documento, basata sulle indicazioni del Comitato di Gestione, si è svolta nel corso di tutto il 2013 ed ora, dopo la formulazione dei pareri delle Province di Milano e di Monza e Brianza, esso è giunto nei Consigli Comunali dei 5 membri.

In cosa consiste il P.P.I.?

In sostanza il Piano prevede la realizzazione di opere che rientrano in tre ambiti di intervento: recupero e conservazione del patrimonio rurale, valorizzazione del sistema dei percorsi pedonali e ciclabili, rinaturazione di aree degradate nelle zone interessate dalle cave.

I Comuni finanzieranno gli interventi previsti attraverso stanziamenti nei propri bilanci, contributi provinciali, eventuali finanziamenti legati alla partecipazioni a bandi, oneri erogati dalle società che hanno in concessione le cave situate nella zona del Parco.

Nel Programma Pluriennale sono stati individuati 5 interventi, uno per ciascun Comune, da realizzare (o avviare) nel triennio.

In particolare:

l’interventon.1, si propone di sviluppare la rete della mobilità sostenibile creando una connessione in direzione nord-sud all’interno del Parco attraverso la realizzazione di tre percorsi ciclopedonali, realizzati prevalentemente adeguando sentieri campestri esistenti e creando connessioni con la rete ciclabile già in essere.

Il primo tracciato collega Carugate a Parco Increa, ed ha origine al piede del sovrappasso della Tangenziale est (verso Brugherio) dove si collega alla esistente pista ciclabile proveniente da Carugate, prosegue verso sud, giungendo alla cascina Marcellina e quindi alla SP Brugherio-Carugate, che dovrà essere dotata di una pista ciclabile in modo da permettere di raggiungere Increa.

Il secondo tracciato si svolge sulla strada che da Carugate porta a Brugherio passando adiacente a cascina Graziosa e poi verso il cimitero di Brugherio.

Il terzo tracciato parte dal territorio di Brugherio, staccandosi dalla suddetta strada che collega quest’ultimo con Carugate e, sfruttando percorsi rurali preesistenti, si sviluppa in direzione sud fino a raggiungere il provinciale Brugherio-Carugate.

Costo totale primo percorso € 266.100,00

Costo totale secondo percorso € 124.750,00

Costo totale terzo percorso € 146.450,00

L’interventon.2 è concentrato nell’area del parco Increa in territorio di Brugherio, ed ha come obiettivo il potenziamento della rete ciclopedonale all’interno del Parco stesso (con creazione diconnessioni a ovest con la ciclabile proveniente da via Increa e a est con i sentieri campestri della cascina Torriana, che condurranno successivamente al parco degli Aironi in territorio di Cernusco s.N. e per ora esterno al PLIS), la forestazione delle fasce perimetrali dell’area con alberi appartenenti a specie autoctone e la realizzazione di un parcheggio provvisorio in terra battutanei pressi del ponte sulla tangenziale, con piantumazione del suo perimetro.

Costo totale piste ciclopedonali e alberature € 294.000,00

Costo totale parcheggio € 276.600,00

L’interventon. 3 riguarda la forestazione, delle aree di proprietà della cava Merlini, nel territorio di Cernusco sul Naviglio, nei pressi della strada che collega quest’ultimo Comune con Brugherio, in funzione di mitigazione ambientale del limitrofo impianto di compostaggio di Cologno Monzese. L’intervento prevede la messa a dimora di specie forestali autoctone con densità di impianto di circa 1.600 piante per ettaro.

Costo totale € 308.000,00

L’interventon.4 è costituito dalla realizzazione di un percorso ciclabile in territorio di Cologno Monzese.con l’obiettivo di connettere la zona del “grande lago” nei territori di Cernusco e Vimodrone con i terreni agricoli di Cologno, nei pressi della cascina Cavarossa.

Costo totale € 229.720,00

L’interventon.5 è riferito alla creazione, nel territorio del Comune di Vimodrone, del collegamento della rete ciclabile (lungo l’asse nord-sud) del Parco con la ciclovia esistente sull’alzaia del Naviglio Martesana.

Costo totale € 319.550,00

A nostro parere questo P.P.I. Rappresenta un importante passo avanti verso lo sviluppo del Parco Est delle Cave, perché finalmente vengono definite delle strategie di intervento e previste delle opere che dovranno dare luogo alla ricerca ed allo stanziamento di fondi.

Non possiamo però affermare che la situazione sia pienamente soddisfacente. In particolare non possiamo fare a meno di evidenziare il ritardo con cui si giunge a questo Piano Pluriennale, rispetto alla data di riconoscimento del PLIS da parte della Provincia di Milano (2009) ed a quella della stipula della convenzione fra i Comuni (fine del 2011).

Il Comune di Cernusco sul Naviglio, che è il capofila, avrebbe potuto e dovuto farsi promotore dell’avvio dell’iter del P.P.I. ben prima di quanto effettivamente è avvenuto (alla fine del 2012). Se lo avesse fatto, ora avremmo guadagnato del tempo prezioso, alcune delle opere avrebbero potuto essere avviate e i cittadini avrebbero iniziato da tempo a riconoscere il Parco come tale, ad affezionarsi a questa importante porzione di territorio, ad averne cura.

A tutt’oggi, non ci risulta sia nemmeno stato nominato il Forum Consultivo del Parco (composto da rappresentanti indicati dai Consigli Comunali e delle associazioni ambientaliste, dei comitati, delle associazioni di agricoltori del territorio) come invece richiede la Convenzione fra i Comuni.

Entrando nel merito dei contenuti del P.P.I., possiamo affermare che, pur condividendo in pieno la necessità di realizzare una efficiente rete ciclopedonale verso il Parco e dentro il Parco, nonché l’esigenza di porre in essere una forte attività di piantumazione e forestazione, riteniamo che, in prospettiva, il Piano avrebbe potuto osare di più.

Avrebbero potuto essere identificate più aree di forestazione, ragionando anche in termini di creazione di connessione fra gli altri PLIS delle vicinanza (Media Valle del Lambro, delle Cascine, del Molgora).

Inoltre, nonostante il documento reciti:

Oltre a queste tre tematiche, non potrà essere ignorato nel Parco il fabbisogno di aree attrezzate. L’allestimento di micro-attrezzature compatibili con le finalità del Plis rappresenta una funzione solo in parte assolta dalle cave recuperate all’uso pubblico, al verde e al paesaggio, ma che non potrà esaurirsi all’interno del loro ambito. Si tratta di aree che dovranno essere prevalentemente destinate al gioco, a punti di ristoro, a luoghi di sosta, a piccole attrezzature sportive a basso impatto, tutte comunque fortemente caratterizzate come articolazioni del verde, con prevalenza di aree a prato o aree alberate e ombreggiate. Queste aree potranno essere in parte localizzate in prossimità delle cave recuperate, già di per sé fortemente caratterizzate per la presenza dell’elemento acqua, ma in parte anche in altri punti del Parco, in particolare lungo i bordi, in corrispondenza dei principali punti di contatto con il tessuto edificato; e ciò sia per assolvere alla funzione di attrezzature al servizio dell’edificato stesso, sia per consolidare la destinazione del Plis come area protetta in punti di particolare fragilità, in quanto maggiormente esposti alla pressione edificatoria.”

Non viene fatto lo sforzo di identificare delle ipotesi di collocazione delle suddette future aree attrezzate, lasciando ancora la funzione di ricezione del pubblico unicamente in capo a Parco Increa; le micro aree attrezzate rimangono quindi delle indicazioni per il futuro, senza che venga fatto alcun passo nella direzione di una maggiore policentricità delle zone fruibili del Parco (e di un alleggerimento del carico antropico su Increa).

Non si fa cenno a nessuna attività di studio e di marketing territoriale finalizzata a promuovere lo sviluppo di imprenditoria (quindi di occupazione) sostenibili dal punto di vista ambientale; non si parla nemmeno di interventi tutto sommato banali che permetterebbero di promuovere l’area e rendere il PLIS conosciuto e riconoscibile come la collocazione della segnaletica con il logo del Parco (clicca qui per vederlo).

Viene poi sottovalutato il ruolo strategico (in funzione naturalistica, ma anche in termini di fruizione da parte delle persone) che dovrebbero avere, per tutto il territorio, gli specchi d’acqua di Increa, del Gaggiolo e del Parco degli Aironi. Per queste aree si potrebbero, ad esempio, prevedere convenzioni con le Università per la realizzazione di progetti di tesi e di studio, che potrebbero fornire importanti informazioni per definire il loro sviluppo futuro all’interno del PLIS.

Notiamo invece che non vengono considerate ed addirittura la zona del Parco degli Aironi, che avrebbe dovuta essere aggiunta al territorio del PLIS risulta tuttora esclusa da quest’ultimo.

Le note dolenti non si esauriscono qui. La novità negativa delle ultime settimane è che il 30 giugno scorso, lo stesso giorno in cui il Consiglio Comunale di Brugherio approvava il P.P.I., il Sindaco di Cernusco sul Naviglio comunicava al Consiglio del proprio Comune che la Società proprietaria del centro commerciale Carosello ha presentato ufficialmente alla Regione Lombardia la richiesta di ampliamento del suddetto centro commerciale.

Il centro commerciale Carosello come è ora: vorrebbero ampliarlo

Il centro commerciale Carosello come è ora: vorrebbero ampliarlo

Dopo il primo tentativo, che la mobilitazione Forum Ambiente Area Metropolitana era riuscita a bloccare nel dicembre 2013(clicca qui e qui per leggere), Eurocommercial ci riprova e, ancora una volta, trova l’entusiastica collaborazione delle Amministrazioni Comunali di Carugate e Cernusco sul Naviglio.

Se il Comune di Cernusco sul Naviglio, capofila del PLIS Est delle Cave, avesse messo nel lavoro per far nascere e crescere il Parco lo stesso impegno e la stesso attenzione che dedica alla realizzazione del progetto di ampliamento del centro Carosello, oggi il PLIS sarebbe una realtà molto più consolidata di quanto non sia in realtà.

Il nodo della questione è proprio qui. Il Sindaco di Cernusco e quello di Carugate, al di là delle dichiarazioni di facciata, hanno (da tempo) abbracciato il progetto di Eurocommercial e vedono nel Parco Est delle Cave un ostacolo alla realizzazione di quest’ultimo, sia per una questione di vincoli edificatori all’interno del suo perimetro, sia per la percezione negativa che i cittadini di solito hanno quando vengono a sapere che si intende costruire vicino ad un Parco.

E allora, per chi vuole costruire, è meglio che il PLIS non si sviluppi, che le procedure vadano a rilento, che le aree che si era promesso di aggiungere ne rimangano fuori, che i cittadini nemmeno sappiano che esiste un Parco.

Noi di Brugherio Futura invece, assieme al Forum Ambiente continueremo a lavorare affinché Il Parco Est delle Cave cresca diventi sempre di più un elemento di pregio del nostro territorio, che porti benessere, qualità della vita, occupazione e sviluppo compatibili con l’ambiente.

Per questo motivo continueremo ad opporci alla devastazione ambientale (ma anche economica e sociale) che l’operazione di ingrandimento del Carosello rappresenterebbe.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: