Skip to content

AMPLIAMENTO CAROSELLO: CARUGATE VERSO IL REFERENDUM. COINVOLTA ANCHE BRUGHERIO

marzo 11, 2017

Nelle scorse settimane, rispettivamente nelle date del 27 gennaio e del 1 febbraio, i Consigli Comunali di Carugate e di Cernusco sul Naviglio, su proposta delle rispettive Giunte, hanno approvato il documento di indirizzo per l’ampliamento del centro Commerciale Carosello.Non si tratta di un esito inatteso, dal momento che l’arroganza e l’ostinazione dimostrate dalle due Amministrazioni nel corso dei mesi precedenti, erano indicatori che lasciavano presagire che esse avessero già deciso di procedere con l’ingrandimento del Centro Commerciale ben prima che la terza versione del progetto fosse presentata da parte di Eurocommercial (clicca qui).

In considerazione di ciò, tutta la recita messa in piedi dal Sindaco Maggioni di Carugate e dalla sua maggioranza, con le dichiarazioni di contrarietà in occasione della campagna elettorale dello scorso anno, e l’esibizione di una finta volontà di confronto e di partecipazione della cittadinanza mostrano finalmente, a tutti gli effetti, quello che in realtà erano: fumo negli occhi per prendere in giro i propri elettori.

L’Amministrazione di Cernusco sul Naviglio invece non ha nemmeno mai fatto finta di volerci pensare. Ha deciso fin da subito di svendere il Parco degli Aironi a Eurocommercial. La novità di questi mesi, con Sinistra per Cernusco che ha votato contro al documento di indirizzo in Consiglio Comunale, e per questo è stata buttata fuori dalla maggioranza, appare un elemento apprezzabile, ma anche assolutamente tardivo. Sarebbe stato meglio se questa presa di posizione fosse stata presa fin dall’inizio della vicenda Carosello.

Ma com’è questo nuovo progetto che i comuni hanno deliberato di presentare in Regione? In realtà, esso di nuovo ha veramente poco. E’ un obbrobrio ambientale esattamente come il primo; le principali novità sono di natura viabilistica (e hanno anch’esse forti problemi di impatto ambientale).

La prima di queste consiste nella costruzione di un secondo cavalcavia che colleghi Brugherio e Carugate, passante sopra la tangenziale est affiancato a quello attuale. La seconda novità è rappresentata dalla realizzazione di una rotonda fra via dei Mille e via Increa a Brugherio.

La reazione del Forum Ambiente Parco Est delle Cave non si è fatta attendere, e quest’ultimo il 24 febbraio, ha scritto al Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, chiedendo chiediamo l’annullamento dell’atto di indirizzo che il sindaco di Carugate ha inviato il 10 febbraio scorso.

Il Forum ha motivato la richiesta in ragione del fatto che, mentre nel primo atto di indirizzo inviato alla Regione nell’agosto 2014 (e poi ritirato), tutti gli interventi edificatori e viabilistici connessi al progetto riguardavano i territori di Carugate e Cernusco sul Naviglio, nella “nuova” versione del febbraio 2017, alcune delle opere previste sulla rete viaria insistono nel territorio di Brugherio.

In particolare, la rotonda fra Via dei Mille e Via Increa riguarda totalmente il territorio brugherese.

Esso però risulterebbe coinvolto anche dai lavori di raddoppio del cavalcavia, in quanto, per innestare il nuovo ponte, alla rotonda che immette in tangenziale est (la prima arrivando da Brugherio), risulterebbe necessario modificare rotonda stessa, ampliandone il diametro di circa 10 metri (portandolo a 50 metri dai 40 attuali), quindi consumando ulteriore terreno, per la maggior parte situato all’interno dei confini di Brugherio.

Infatti l’attuale cerchio centrale a verde della rotonda attuale di metri 20 di diametro, verrà ampliato a 34 metri, mentre l’ingombro esterno dell’attuale rotonda di metri 40 di diametro verrà ampliato a 50 metri. La maggior parte di queste modifiche che interessano la rotonda ricadono nel comune di Brugherio. 

In ragione di tali modifiche, il Comune di Brugherio diventa, a tutti gli effetti, parte del progetto di ampliamento; tuttavia esso non ha approvato in Consiglio Comunale alcuno specifico atto di indirizzo, in quanto non è stato coinvolto dagli altri due Enti.

Questo nuovo progetto conserva tutti gli aspetti negativi dal punto di vista ambientale, economico, sociale e culturale che aveva il precedente ed in più aggiunge ulteriore spreco di suolo e un evidente ingiustizia nei confronti di Brugherio che, nonostante ospiti buona parte dei nuovi interventi viabilistici a servizio di Carosello, non beneficerà di nessun onere di urbanizzazione né primaria né secondaria.

Con l’ampliamento del centro commerciale l’unica a guadagnarci è Eurocommercial.

I Comuni di Carugate e Cernusco incasseranno gli oneri di urbanizzazione, ma solo degli Amministratori incapaci non capiscono o, peggio ancora, non si interessano al fatto che è assurdo svendere il proprio territorio in cambio di pochi soldi, che finiranno in fretta.

I cittadini pagheranno il costo in termini ambientali, di salute e di disagi. Ora che, con i licenziamenti in atto da parte di Carrefour Italia, cade anche la ridicola argomentazione dei cementificatori, secondo cui i centri commerciali creano posti di lavoro, appare evidente che nessuna ricaduta positiva, per quanto minima e limitata nel tempo, giungerà loro.

Ora come non mai è necessario ribadire la nostra ferma contrarietà a qualsiasi progetto di espansione del Carosello.

A questo proposito, in attesa che la Regione Lombardia risponda alla lettera del Forum Ambiente, chiediamo all’Amministrazione del Comune di Brugherio di esprimere in via ufficiale il proprio diniego, nonché di rifiutare l’eventuale realizzazione di interventi (viabilistici o di qualsiasi altra natura) connessi all’ampliamento, nel territorio del nostro Comune.

I cittadini Carugatesi possono inoltre fornire un contributo diretto per bloccare il raddoppio di Carosello. Il 16 febbraio scorso è infatti iniziata la raccolta firme per l’indizione di un Referendum consultivo nel Comune di Carugate.


Chi fosse interessato a firmare può farlo, fino al 16 marzo, presso l’anagrafe del Comune, dal lunedì al venerdì negli orari di apertura, oppure presso i banchetti allestiti in paese dal Comitato Referendario.

Invitiamo tutti i residenti a Carugate a recarsi a firmare e, successivamente ad andare a votare al Referendum per chiedere di cancellare definitivamente ogni progetto di ampliamento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

WordPress.com

WordPress.com is the best place for your personal blog or business site.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: